PDA

Visualizza versione completa : Domanio un apertura da BRIVIDI!!



pitt
07-10-2008, 20.55.33
A meno di eclatanti sorprese notturne domani aspettiamoci un apertura abbondantemente sotto il 3%.

Oramai e' come sparare sulla croce rossa.

Lo so molti titoli fanno venire l'acquolina ma non caschiamoci. Già l'ho fatto io a chiudere l'85% degli short venerdi pomeriggio....

Ricordatevi il NIKKEY a 40mila pt. Dopo anni e anni non l'ha mai ripresi.

A domani

lux69
07-10-2008, 21.02.47
A meno di eclatanti sorprese notturne domani aspettiamoci un apertura abbondantemente sotto il 3%.

Oramai e' come sparare sulla croce rossa.

Lo so molti titoli fanno venire l'acquolina ma non caschiamoci. Già l'ho fatto io a chiudere l'85% degli short venerdi pomeriggio....

Ricordatevi il NIKKEY a 40mila pt. Dopo anni e anni non l'ha mai ripresi.

A domani

Ciao Pitt, mi complimento per le moltissime analisi molto puntuali e corrette ... però il paragone coi titoli del nikkei a 40.000 non lo condivido molto ... le società avevano ed hanno tutt'ora multipli molto maggiori ai nostri attuali .. e non parlo di P/E, ovviamente legato all'utile (se cala l'utile sale il P/E), ma di Price/Book Value e prospettive future ... or ora moltissimi titoli sono di poco sopra o in molti casi sotto l'unità ... se non è panic selling (o meglio : necessità di liquidi a tutti i costi) ... ci manca poco ... come ciclicamente accade nel bene e nel male secondo me dovremmo essere ad un eccesso irrazionale ... chi avrà ancora il cash al termine di quest'ultima ondata secondo me potrà investire veramente bene (tenuto anche conto che le borse anticipano i cicli economici) ! o no ?
:)

pitt
07-10-2008, 21.26.34
Il NIKKEY era un esempio estremo per non cadere nel tranello di comprare subito.

Oggi l'S&P ha perso i 1000 PT. E come i 10MILA persi dal DJ sono come un cappio al collo.

uomoscarpia
07-10-2008, 21.35.09
il problema è che questa mancanza di liquidità oltre a deprimere il valore delle azioni, fà mancare pure la linfa che le banche davano alle aziende con i prestiti e dà il passo a impiantarsi tutto è breve. Anche io penso molte ziende possano essere sottovalutate ma magari tra un mese le trovi ancora a metà di oggi dopo che han perso già un 80% e poi sai anni per rivederle su...
Sò di molte imprese di costruzioni a cui le banche nn prestano neanche un euro e si trovano costrette a svendere appartamenti e quel che hanno, nn credete a chi vi dice che il mercato immobiliare tiene, dalle mia parti appartamenti da 130.000 euro son stati acquistati sui 105.000 al rogito...

pitt
07-10-2008, 21.41.20
il problema è che questa mancanza di liquidità oltre a deprimere il valore delle azioni, fà mancare pure la linfa che le banche davano alle aziende con i prestiti e dà il passo a impiantarsi tutto è breve. Anche io penso molte ziende possano essere sottovalutate ma magari tra un mese le trovi ancora a metà di oggi dopo che han perso già un 80% e poi sai anni per rivederle su...
Sò di molte imprese di costruzioni a cui le banche nn prestano neanche un euro e si trovano costrette a svendere appartamenti e quel che hanno, nn credete a chi vi dice che il mercato immobiliare tiene, dalle mia parti appartamenti da 130.000 euro son stati acquistati sui 105.000 al rogito...

Il problema e' che i problemi oramai sn passati sull'economia reale e quando io lo rammentavo molti utenti mi dicevano dove trovavo questi target e ridevano...

Ma il tempo e' sempre galantuomo

gbellelli
07-10-2008, 21.57.54
>Ma il tempo e' sempre galantuomo

sottoscrivo!
Io molti mesi fa parlavo di "ultimo giro di giostra" e sono stato subissato di critiche.
Alla conta dei fatti io con questa crisi non ci ho rimesso un solo euro... non so se altri sono stati altrettanto bravi, o fortunati...

ciao
gab

Artiglio
07-10-2008, 22.37.41
Sò di molte imprese di costruzioni a cui le banche nn prestano neanche un euro e si trovano costrette a svendere appartamenti e quel che hanno, nn credete a chi vi dice che il mercato immobiliare tiene, dalle mia parti appartamenti da 130.000 euro son stati acquistati sui 105.000 al rogito...
Non sono daccordo Fabio. Un impresa quando ha terminato una costruzione ha già incassato i prestiti. Generalmente alla vendita la banca lo presta al cliente il denaro e non all'impresa. Quindi quello che hai scritto nn è molto corretto. TE lo dico io che opero con Unicredit e ho fidi per svariati "euro" e il denaro nonostante ciò continuano a prestarmelo, piuttosto direi che nn riesco a trovare acquirenti che riescano a darmi più di 5.000/10.000 euro di caparra:cool:
Ieri ed oggi ho letto la Nuova Venezia e il Gazzettino di Pordenone, effettivamente parlando del "mattone" uno diceva una cosa e l'altro l'esatto contrario. A mio parere, e parlo da operatore, il mercato riespetto al crollo tutti gli altri settori tiene ancora bene, il mercato immobiliare anche se nn molti lo sanno è entrato in sofferenza da almeno un anno e mezzo, quindi molto prima del crack delle borse e ti posso dire nonostante in alcune zone della mia provincia ( qua si è construito moltissimo, lo si leggeva anche su un articolo del l'espresso due sett fa) abbiano un calo del 30% di vendite non si riflette sul prezzo la cui flessione è del 2%, strano vero? La legge della domanda e dell'offerta e del relativo prezzo dove la mettiamo?
E' vero che si è assistito ad una contrazione repentina delle vendite ma ciò è dovuta alla mancanza di liquidità ed ai tassi, non all'inflazione di immobili. Il resto è fuffa, con una borsa all'orlo del crack qua o si investe in Bot o in case non ci sono alternative, quello che rafforza la mia tesi è che il mercato degli affitti anche quest'anno è in crescita e le stime sono tali anche per il prossimo anno ( secondo Nomisma), e questo farà da motore trainante, non subito ma fra due tre anni sicuramente.Saluti

Ps, consiglio di diffidare delle imprese che ti vendono appartamenti a -20/30% del prezzo di mercato. Tecnicamente si riesce a fare non più del -10%...pena fallimento immediato.

Artiglio
07-10-2008, 22.44.38
>Ma il tempo e' sempre galantuomo

sottoscrivo!
Io molti mesi fa parlavo di "ultimo giro di giostra" e sono stato subissato di critiche.
Alla conta dei fatti io con questa crisi non ci ho rimesso un solo euro... non so se altri sono stati altrettanto bravi, o fortunati...

ciao
gab

Me lo ricordo... però mi ricordo pure che alcuni lo dicevano da almeno 3 anni e si sono persi il giro più bello :p

lux69
08-10-2008, 07.22.31
Per me le parole ed il concetto che riporto - scritto da Jon Herring - sono assolute verità (ovviamente parlando di investimento e non di trading) :

"Whatever money you may need for the next five years, please take it out of the stock market right now, this week. I do not believe that you should risk those assets in the stock market right now."

If you are a long-term investor you should embrace the opportunities that are before you. Right now, and in the months to come, you will have countless opportunities to buy world-dominating companies at once-in-a-lifetime prices.

I’m talking about companies that will be here (and that will be a lot larger) 20 years from now, no matter what happens in the markets or the economy.
Finally, if you’re looking to invest in individual stocks, the coming months will be a great time to pick up world-leading companies at once-in-a-generation prices.

Focus on companies with a sizable barrier to entry. Some investors liken this to a castle with a moat. For example, what would it take for another company to come along and compete with UPS? What would it take to set up a global distribution network, with all the logistics, thousands of trucks and planes, hubs networks, etc.?
Also, in times like these (recession and the potential for high inflation) you want to focus on companies that are price leaders and companies with pricing power.
Price Leaders are the companies that compete best on price. When consumers are skimping and saving and looking for a deal, where do they go? McDonalds (MCD)… Wal-Mart (WMT)… Dollar Tree (DLTR), etc. Not surprisingly, all of these stocks are near their all-time highs, despite everything else that is going on in the markets.
Companies with pricing power are ones that can raise their costs to constantly stay ahead of inflation, without eroding their business. Some companies cannot raise their prices without causing a downturn in business. However, companies like Johnson & Johnson (JNJ), Kraft (KFT), Coke (KO), Proctor & Gamble (PG), etc. can bump up their prices to stay ahead of inflation without causing a downturn in their business. If you want a Coke or a box of macaroni and cheese, your going to buy it, whether it is 10% more expensive than it was last year, or not. Owning a share of these companies ensures that your money will continue to grow as these businesses expand, and it will do so at a rate greater than inflation.

sugacanal
08-10-2008, 07.23.47
Me lo ricordo... però mi ricordo pure che alcuni lo dicevano da almeno 3 anni e si sono persi il giro più bello :p

Già, poi come al solito alla Mauro, a forza di chiamare il crollo, prima o poi arriva. Teniamo presente che probabilmente se il piano Paulson fosse stato approvato al primo colpo, forse tanta sfiducia non la avremmo vista sui mercati. Poi come al solito quando si abbattono le vendite, si arriva alla irrazionalità, alla paura collettiva e si molla tutto.
Sicuramente l'Europa, la BCE non hanno dimostrato capacità reattiva e di saper gestire una crisi senza precedenti e questo sappiamo quanto sia deleterio sui mercati stessi. Insomma complimenti a chi ci ha visto lungo, pero' un grazie anche alla miriade di cagasotto che si buttano a vendere tutto aiutando le discese dei mercati.
Adesso non resta che aspettare il momento giusto per rientrare e come al solito nelle ripartenze, in molti si perderanno la prima fase del rialzo, scottati dal ribasso e dalla poca fiducia nei mercati stessi.

mauro342
08-10-2008, 07.36.18
oggi gap dow a 22500 dell'indice dove ve avevo detto che arrivava e li venderò i miei restanti put/short anche se penso che poi andranno a 20000 ma mi accontento con questa volatilità.
Ma al primo rimbalzo del gatto morto rientro pesantemente
tranquilli sempre shortissimamente sicuri,si guadagna di piu

sugacanal
08-10-2008, 07.44.21
Alla conta dei fatti io con questa crisi non ci ho rimesso un solo euro... non so se altri sono stati altrettanto bravi, o fortunati...


Personalmente credo che la fortuna in finanza non esista.
Io non sono stato bravo come te e mi sono perso circa 1500 euri dei guadagni fatti all'inizio dell'anno. MI sono accorto troppo tardi che l'AT non serviva a nulla, data la forte volatilità. Pazienza:(

pitt
08-10-2008, 07.57.11
Personalmente credo che la fortuna in finanza non esista.
Io non sono stato bravo come te e mi sono perso circa 1500 euri dei guadagni fatti all'inizio dell'anno. MI sono accorto troppo tardi che l'AT non serviva a nulla, data la forte volatilità. Pazienza:(
L'ho sempro detto: in questi momenti, e ne capitano pochi nella vita, l'AT serve poco e io in AT sono quasi 0!!

sugacanal
08-10-2008, 08.08.16
Toccati 22555 in aprtura dal fib che subito è schizzato verso 23000. Volatilità alle stelle

boma
08-10-2008, 08.21.13
Abbiamo toccato il pavimento , chiuso il famoso gap ... per quel che può servire l'AT in questi momenti .
Importantissimi i volumi , secondo il mio modestissimo parere .

lamoni
08-10-2008, 08.26.59
Abbiamo toccato il pavimento , chiuso il famoso gap ... per quel che può servire l'AT in questi momenti .
Importantissimi i volumi , secondo il mio modestissimo parere .

credo che in finanza il pavimento non esista.

luis78
08-10-2008, 08.31.13
credo che in finanza il pavimento non esista.
L'unico vero pavimento è lo zero assoluto, tutto il resto sono solo belle previsioni senza alcuna valenza scientifica...:cool:

boma
08-10-2008, 08.46.37
credo che in finanza il pavimento non esista.


A certo certo , ora è quello che vogliono farci credere .
E lo hanno fatto benissimo visti i risultati .
Siamo al punto massimo di disperazione unita alla volatilità .
E " loro " ci sguazzano alla grande , il loro momento migliore .

sugacanal
08-10-2008, 09.01.02
Certo che dopo 1 ora vedere -8% sul future mi sembra assurdo.

boma
08-10-2008, 09.08.41
Incredibile , resterà certo nella storia .
Pensate che bello ... noi c'eravamo :D
Aaa Trinkè ... ma vaffffffff ...

Artiglio
08-10-2008, 23.13.36
L'ho sempro detto: in questi momenti, e ne capitano pochi nella vita, l'AT serve poco e io in AT sono quasi 0!!

Beh insomma nn siamo disfattisti! Quando poco tempo fa i supporti più resistenti e datati degli indici sono stati annientati l'AT segnalava un SELL o no?:)

pitt
09-10-2008, 20.28.15
Se in USa continuano cosi'(-4%) domani non si apre nemmeno.

door
09-10-2008, 20.33.13
Speriamo che non si apra +!
bisognerebbe anche smettere di essere servi e schiavi di una nazione che ormai è al capolinea! sono falliti? sono sommersi da un mare di debiti? hanno case di legno e lamiera che non valgono + nulla? e chi se ne frega! non possiamo farci condizionare in questa maniera da un paese che tra un paio di anni avrà il peso internazionale che oggi ha il Nepal....
Anzi, proporrei di usare contro gli USA uno dei loro strumenti preferiti: l'embargo! lasciarli da soli, nella loro cacca per 5 anni, isolati dal resto del mondo! così farebbero una bella guerra civile e fra 5 anni mandiamo un novello Colombo a riscoprirli....(sempre che qualcuno ne senta la necessità)!
the american dream is over!

waltercdb
09-10-2008, 22.37.18
Non credo sia solo suggestione la nostra dipendenza (e non solo nostra) nei confronti dell'impero americano. Nonostante i loro enormi problemi di debito rimangono la nazione più potente e ricca in termini di pil, come facilmente verificabile https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/fields/2001.html
per non parlare dell'influenza politica e militare a livello internazionale.
Il loro livello tecnologico rimane allo stato dell'arte in quasi tutti i settori dall'industria alla ricerca di base, la percentuale di spesa in ricerca e sviluppo sul pil inarrivabile rispetto ai paesi europei. Per non parlare della massa critica di questa spesa determinata dalle loro dimensioni.
La Cina vale poco più della metà del pil, ma deve nutrire anche oltre un miliardo di persone.
Le cose non cambieranno cosi velocemente

alderix
10-10-2008, 07.37.50
Non credo sia solo suggestione la nostra dipendenza (e non solo nostra) nei confronti dell'impero americano. Nonostante i loro enormi problemi di debito rimangono la nazione più potente e ricca in termini di pil, come facilmente verificabile https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/fields/2001.html
per non parlare dell'influenza politica e militare a livello internazionale.

influenza militare? E certo hanno messo basi militari in tutto il mondo, usano armi proibite in tutte le loro guerre, appoggiano in toto e si servono della nazione piu' pericolosa del mondo (Israele)sperimentano nuove armi in segreto, usano sistematicamente la tortura e noi? Noi gli facciamo ampliare la base di vicenza contro la volonta' dei cittadini! :mad: :mad: :mad:
E chi se li toglie piu' dalle balle quelli? :mad: :mad: :mad: