PDA

Visualizza versione completa : Perchè preferisco un (buon) TS



bzamengo
24-10-2009, 16.23.37
Nella operatività discrezionale basata su strategie e scelte personali, ciò che può condizionare in modo decisivo la performance è la variabilità dell'umore quotidiano. Cerco di spiegarmi: personalmente ho notato che vi sono delle giornate in cui sono particolarmente ottimista e fiducioso per cui tendo a prendere più facilmente posizione (assumendomi dei rischi superiori) e ad allargare gli SL ed i TP. Al contrario, vi sono delle giornate nelle quali sono più scettico e guardingo e pertanto, tendo a non entrare sul mercato, magari facendomi sfuggire delle ghiotte ed evidenti occasioni. Oppure nel caso di un ingresso, tendo a mantenere SL e TP molto più stretti del dovuto. Quanto descritto può essere una mia lacuna personale, ma credo che in misura diversa possa capitare a tutti i traders. Questo perchè, non dobbiamo mai dimenticarlo, siamo pur sempre delle persone e non degli automi e pertanto la componente emotiva, sia pure in misura diversa da persona a persona, si farà inevitabilmente sentire e condizionerà la nostra operatività in modo aleatorio ed imprevedibile inducendici sostanzialmente ad un comportamento incoerente e non del tutto razionale e ponderato.
Un (buon) TS invece, essendo fondato su algoritmi matematici, fornirà dei segnali sicuramente sempre coerenti con la strategia pianificata, guidandoci ad un'operatività sistematica, priva di "improvvisazioni" estemporanee. Questo è indubbiamente un grande vantaggio della scelta di operare sulla base di segnali automatici forniti da un software, possibilmente ben fatto, sufficientemente collaudato ed affidabile. Poi, lo sappiamo, neppure l'utilizzo di un buon TS è cosa facile, perchè qui entra in ballo la capacità di seguirlo alla perfezione, senza tentennamenti e con estrema disciplina.
Ma questo è un altro discorso ....
Pertanto la mia convizione è che, anche qualora il trader abbia ottenuto degli ottimi risultati per lungo tempo (mesi) mediante un'operatività discrezionale, a volte basta poi solo qualche giorno di non perfetto equilibrio psicofisico, per compromettere settimane di buoni risultati ...
Il problema dunque, a mio avviso, è quello di sviluppare dei TS sufficientemente profittevoli, affidabili e stabili, tali da garantirci buoni (non stratosferici) risultati, fornendoci una sufficiente tranquillità ed un elevato confort operativo.
Questa per me è la sfida che attualmente ci pongono i mercati, alla quale non è né facile né immediato trovare un'adeguata risposta.