PDA

Visualizza versione completa : Roncadin e la nuova era!



smeraldo
05-11-2005, 13.58.59
Un buongiorno a tutti, vorrei segnalarvi questo titolo invitandolo a seguire, stiamo entrando in una fase calda si parla di vendita della divisione gelato di questa società x 150 ml, a fronte di una capitalizzazione di circa 52/55. La cosa ai più potrà sembrare strana e allora invitando tutti con la solita cautela a seguire il prossimo andamento del titolo penso di poter affermare con assoluta tranquillità che ottime performance si potranno fare. Invito a seguire anche i rispettivi warrant! mi potrete trovare anche su investireoggi.it con il medesimo nick :D

smeraldo
05-11-2005, 14.26.04
Roncadin è controllata da arena holding azienda leader nel suo settore, azionista di maggioranza con il 69.98% e DDD suo padrone che possiede a titolo personale il 6,96% azioni comprate poco tempo fa ad una media di 0.51 cents. Il titolo esce da una lunga fase di stops and sell caratterizzata da scambi rarefatti e in continua discesa di prezzo appoggiandosi ad un supporto di lungo periodo di 0.40 cents. Il titolo è saldamente in mano ad arena che fino a 60gg fa deteneva oltre 84% con una serie di operazioni e sceso di quota fino all'attuale possesso. Arena ne era entrata in possesso di roncadin dapprima con un 28% nel 2004 e poi con una successiva quota a 0.486 che l'ha portata a detenere appunto circa 84%. QUALCUNO POTREBBE DIRE MA COME MAI ARENA SVENDE PARTE DELLE SUE AZIONI SOTTO IL PREZZO DELL'OPA DA LUI STESSO LANCIATA NELL'AGOSTO 2004? bè la risposta è semplice, per entrare nel segmento di mercato borsistico arena a dovuto fare una fusione con roncadin fusione stessa in corso di perfezionamento da attuarsi entro fine gennaio 2006 dove la stessa capogruppo dovrebbe fare un adc a 0.5 cents per 80ml, decisione già presa e deliberata a rimandata come termine ultimo al31/01/06 causa alcune problematiche intrinseche ed estrinseche nonchè la tanto famigerata virulogia aviaria dei polli che altro non ha fatto a far scemare il titolo verso il supporto menzionato prima. Adesso con la presunta vendita dei gelati x 150 ml è messa in discussione anche la necessità di procedere con l'adc poi l'incasso andrebbe a coprire praticamente tutti i debiti che la società roncadin e arena stessa hanno vero le banche. FACENDO UN PAIO DI COMPARAZIONI CONSIDERANDO IL FATTURATO ANNUO DI UNA SOCIETA' CHE COME QUESTA FATTURA NON MENO DI 800.000 EURO L'ANNO E PRENDENDO IL MOL DI 9 COME MEDIA PER SOCIETA' VENDUTE IN QUESTO SETTORE CONSIDERO RONCADIN SOTTOVALUTA AMPIAMENTE E RAGIONEVOLMENTE ALMENO DELLA META' DEL PREZZO CHE ATTUALMENTE QUOTA CIOE' 0.4. dIREI CHE UN BEL GRUZZOLINO SI POTREBBE METTERE :eek:

smeraldo
07-11-2005, 08.28.05
Roncadin cede divisione Gelati, plusvalenza 60 milioni
07/11/2005 08:38


MILANO, 7 ottonbre (Reuters) - Il gruppo agro-alimentare
Roncadin ha siglato il contratto per la cessione della
divisione Gelati ad Ocm Principal Opportunities Fund III, fondo
riconducibile alla società di private equity Usa Oaktree Capital
Management, per un corrispettivo complessivo di circa 152,5
milioni di euro (enterprise value) e con una plusvalenza di 60
milioni.
L'operazione, spiega una nota, "rappresenta il punto di
svolta nel percorso di sviluppo già da tempo intrapreso dal
gruppo e volto al consolidamento e focalizzazione sul core
business della produzione e commercializzazione di prodotti
avicoli e surgelati".
I proventi derivanti dall'operazione consentiranno la
significativa diminuzione dell'indebitamento
di Roncadin.

Per leggere il comunicato integrale della società i clienti
Reuters possono cliccare su [nBIA0704a]

((Claudia Cristoferi, in redazione a Milano Stefano Rebaudo,
reuters messaging: claudia.cristoferi.reuters.com@reuters.n et,
+39 0266129557, milan.newsroom@reuters.com)) :rolleyes:

smeraldo
08-11-2005, 16.30.18
giornata ancora fiacca di scambi, supporto in area 0.42 dove a meno di grosse sorprese sotto questa quota non dovremmo più andarci. Entriamo ora in una fase di accumulo con primo target la quota di 0.46 cents. La rottura di questa quota con consistenti volumi porterebbero i corsi del titolo dritti a 0.50. A mio parere un cippetto bisogna tutti metterlo ricordandoci che c'è un adc a 0.50 per fine gennaio e che sotto questa quota non ho mai visto nessun ADC ATTUARSI! :)

smeraldo
02-04-2006, 18.38.54
dinuovo interessante il titolo è stato manipolato per dei mesi è in area 0.31 dopo che la proprietà a svenduto 30 milioni di azioni al peggio facendolo precipitere da 055 diella scorsa estate, lunedì 3 aprile cda straordinario è penso decisivo per la risalita del titolo.:rolleyes:

Pensier0
07-04-2006, 08.52.27
MF
Roncadin, Di Dario vuole ripartire
Il rimborso del prestito avverra' con nuove azioni per 55 milioni e con notes per 80 milioni.

L'imprenditore che potrà scendere al 35,4% elabora il piano di ripianamento del bond che è stato depositato in Consob e che sarà migliorato per trovare l'adesione degli obbligazionisti

C'è un futuro per Roncadin. Che passa attraverso una forte ristrutturazione finanziaria, una netta diluizione della quota di controllo da parte del presidente e ad Dante Di Dario, l'accettazione da parte degli obbligazionisti del progetto di ripagamento e riscadenziamento del bond da 135 milioni, la vendita di asset, la concentrazione industriale e, soprattutto, la ritrovata fiducia del mercato.
L'imprenditore ha lavorato sodo, in questi ultimi due mesi, per trovare la soluzione che garantisca la continuità aziendale e che dia soddisfazione ai bondholder.

Il piano di ristrutturazione depositato in Consob - la pubblicazione dell'offerta avverrà il 5 maggio, l'assemblea straordinaria degli obbligazionisti è convocata per il 29 maggio e il 13 giugno, il pagamento dell'ops sarà il 23 giugno - prevede che Agria holding e Agria finance sa, rimborsino il bond attraverso l'emissione di nuove azioni per un controvalore di 55 milioni e in notes modificate per altri 80 milioni. Poi si procederà all'aumento di capitale da 243 milioni da partirà il 30 maggio e si concluderà entro fine agosto. In base all'adesione dei bond holder la famiglia Di Dario potrebbe ritrovarsi a controllare il 56,5% del capitale di Roncadin oppure, se tutti sottoscriveranno, al 35,6% con un flottante del 41,7% che rende scalabile il gruppo.

Se si concretizzerà quest'ultimo scenario, l'azionista potrebbe ritrovarsi in portafoglio un centinaio di milioni pronti all'uso. La destinazione? Lo shopping, in Italia o all'estero dove potrebbero essere avviati contatti con player spagnoli e inglesi che, in un futuro prossimo, potrebbero anche guardare all'azionariato di Roncadin.

Ma nel caso in cui il processo di ristrutturazione non fosse approvato dall'assemblea straordinaria, la controllante potrebbe trovarsi nelle condizioni di non poter onorare gli impegni, con il conseguente rischio di azioni esecutive e incapacità di garantire la continuità aziendale: il mancato rimborso delle obbligazioni potrebbe portare al default.

È certo che, come si legge nel progetto Stadium elaborato con Ubs, il documento d'offerta depositato è il primo passo nel processo di negoziazione. Perché, è probabile che la proposta venga modificata durante l'operazione con l'aumento del corrispettivo in contanti agli obbligazionisti, con la modifica della scadenza dell'ammontare delle tranches o del tasso di interesse delle notes modificate in scadenza nel 2011 e la modifica del numero di azioni Roncadin offerte in scambio. Gli advisor Jefferies-Orrick hanno chiesto alla società che gli obbligazionisti che rappresentano possano avere l'opportunità di presentare una proposta di finanziamento. Nel piano di rilancio è previsto che a fine 2009 il fatturato arrivi a 474,1 milioni con un ebitda di 31 milioni con un free cash flow di 19. Un business plan che il management ritiene prudente perché, tra gli altri elementi di prudenzialità, non tiene conto degli aiuti governativi attuali e futuri.

Cambio di nome in borsa, la holding tornerà in Italia. Di Dario ha messo in cantiere l'opportunità di cambiare il nome alla società recuperando il marchio Arena. Per garantire trasparenza, entro fine anno Adria Holding sa, possa essere trasferita in Italia dal Lussemburgo.