PDA

Visualizza versione completa : La guerra sulle valute



pitt
01-02-2013, 11.22.32
Apro questo 3ad interessante vista la forza dell'EURO, che non è basata sui fondamentali, nei confronti delle altre valute;

al riguardo potrebbero aprirsi le porte ad un abbassamento dei tassi da parte della BCE per frenare la corsa della moneta unica che sta mettendo in crisi molte società

mark61
01-02-2013, 11.52.18
Avevo letto recentemente che un euro a 1.40 metterebbe in seria difficoltà la Germania della signora Merkel, la cui forza è l'esportazione.

ma è quanto il nuovo governo giapponese si auspica con le sue nuove prese di posizione riguardo lo Yen per far risorgere l'economia dei samurai.

e noi rimaniamo nel bel mezzo dello scontro ???

asvin
01-02-2013, 12.01.27
Avevo letto recentemente che un euro a 1.40 metterebbe in seria difficoltà la Germania della signora Merkel, la cui forza è l'esportazione.


Purtroppo è un problema grosso anche per noi. Ci sono una marea di aziende di piccola media grandezza che fanno manifattura di alta/altissima qualità e vendono quasi solo all'estero e spesso fuori area Euro. il primo settore che mi viene in mente è l'arredamento di alto livello/lusso particolarmente forte in Brianza, comasco e nel veneto.

mark61
01-02-2013, 12.20.53
Purtroppo è un problema grosso anche per noi. Ci sono una marea di aziende di piccola media grandezza che fanno manifattura di alta/altissima qualità e vendono quasi solo all'estero e spesso fuori area Euro. il primo settore che mi viene in mente è l'arredamento di alto livello/lusso particolarmente forte in Brianza, comasco e nel veneto.

Hai perfettamente ragione e rileggendo il mio intervento mi rendo conto che non ho scritto tutto quello che avevo in mente.( della serie le dita sono piu lente del cervello......)

Contro il nostro made in Italy ( a tutti i livelli) il Giappone puo fare poco, mentre contro molte aziende tedesche potrebbe ottenere risultati interessanti svalutando la propria moneta.
Con un occhio piu largo però siamo penalizzati anche noi, anche se non direttamente presi di mira.