PDA

Visualizza versione completa : Flash News Del 16 Ottobre 2006



Karin
16-10-2006, 07.47.58
Buongiorni amici lettori e di tutto il forum. Inizia un'altra settimana all'insegna del bel tempo qui da me, per il meteo borsistico attendo indicazione dal nostro grande apuo:D :)


CHIUSURA BORSE PRINCIPALI

USA
Nasdaq Composite 2357,29 punti (+ 0,47%)
- Dow Jones 11960,50 "" (+ 0,11%)
- S&P 500 1365,60 "" (+ 0,20%)
Tokyo: chiusura Nikkei a 16692,76 punti (+0,94%)

Karin
16-10-2006, 07.53.04
Agenda del 16 ottobre
08:08:21 - 16/10/2006



ITALIA
Borsa Italiana
- Le azioni Ras (ordinarie e di risparmio) sono delistate.
- Allianz viene ammessa alle quotazioni al segmento MTA International.
- Abn Amro, Alcatel, Axa, E.On, Ing, Munich RE, Philips, Société Générale, Suez e Vivendi, entrano a far parte del segmento MTA International.

Trimestrali
Europa
- Scania (Svezia, 3° trimestre 2006)

Stati Uniti
- Commerce Bancorp (3° trimestre 2006)
- Eaton (3° trimestre 2006)
- Marshall & Ilsey (3° trimestre 2006)
- Mattel (3° trimestre 2006)
- W.W. Grainger (3° trimestre 2006)
- Wachovia Corporation (3° trimestre 2006)


MACROECONOMIA
STATI UNITI
- Indice Empire Manufacturing a ottobre (ore 14.30).

Gege'
16-10-2006, 07.58.04
Buongiorno a tutto il forum !!

sbit
16-10-2006, 07.59.12
buondi ' a tutti e buon trading ...
ciao karin!

Tuttuben
16-10-2006, 08.00.40
Buongiorno e grazie delle new......
Ciao:)

Karin
16-10-2006, 08.05.35
commento di preapertura

MILANO (MF-DJ)--La buona intonazione della piazza statunitense, con il
Dow Jones su nuovi record storici, e dei mercati asiatici dovrebbe fornire
un sostegno alle borse europee in fase di avvio. Sul fronte macroeconomico
l'attenzione si concentrera' sull'intervento del numero uno della Fed, Ben
Bernanke, alla convention annuale dell'American Bankers Association.

A Milano riflettori puntati su B.P.italiana, dopo l'individuazione del
proprio partner in Bpvn (quest'ultima declassata ad underperform da
outperform da Cheuvreux). La "chiusura" della partita Lodi potrebbe
alimentare nuovamente l'interesse su B.P.Milano, monitorata in ottica M&A
da analisti e gestori. Tra le banche di minori dimensioni da monitorare
anche le mosse del Creval su BancaEtruria.

Da seguire anche Fiat, con il miglioramento delle stime di Eps 2007/2008
deciso da Morgan Stanley, che ha assegnato al titolo un target price a
10,5 euro sulle aspettative di un upgrade del consensus sugli utili (la
banca d'affari resta pero' underweight).

Focus ancora su Alitalia, sempre sul tema del riassortimento del
management e della ricerca di una partnership, e su Autostrade, nel giorno
dell'incontro a Madrid tra Prodi e Zapatero. Attenzione infine ad Enel,
che su Suez conferma la posizione gia' comunicata al mercato con tutte le
opzioni ancora aperte.

Karin
16-10-2006, 08.18.15
I TEMI DI OGGI


ALITALIA: secondo il vice-premier Rutelli la compagnia necessita di
alleanza asiatiche.

AUTOSTRADE: si tiene oggi un incontro tra Prodi e Zapatero nel quale
potrebbe venire discussa la fusione tra l'azienda italiana e Abertis.

B.P.ITALIANA: il Cda ha approvato l'operazione di fusione con Bpvn. La
sede della nuova holding sara' a Verona. Il consiglio della Lodi ha dato
l'ok ad un dividendo straordinario di 2 euro per azione. La banca
lodigiana in risposta ad indiscrezioni di stampa ha affermato che non
cedera' Bipielle Bank.

BPVN: ha raggiunto un accordo con Cattolica Ass. per prorogare al 30
ottobre i termini per la disdetta degli accordi triennali
sull'assicurazione vita.

BOLZONIi: il gruppo, secondo l'a.d. Roberto Scotti, punta ad una presenza
diretta in Giappone.

C.R.FIRENZE: secondo un quotidiano dovrebbe riunirsi oggi il patto della
banca.

CREVAL: secondo i rumors punterebbe su BancaEtruria.

EDISON: si e' aggiudicata la gara, da 650 mln, per la fornitura di
energia elettrica alle pubbliche amministrazioni. In settimana dovrebbe
arrivare la decisione sulla rete.

ENELl: ha affermato che su Suez tutte le opzioni sono aperte.

EUROTECH: secondo la stampa tramite la controllata Parvus avrebbe
siglato un accordo per la fornitura all'americana Uta di nanocomputer.

MEDIASET: continuano a livello politico gli 'scontri' sul Ddl Gentiloni.

SANPAOLO IMI: l'a.d. Alfonso Iozzo in una intervista ribadisce che la
banca non si e' venduta a B.Intesa ma definisce la fusione con l'istituto
milanese un accordo a favore del gruppo torinese.

SAVE: l'a.d. di Generali Ass. Giovanni Perissinotto ha dichiarato che
alla compagnia assicurativa non dispiacerebbe aumentare la quotanell'azienda veneziana.

VALENTINO F.G.: Andrea Dona' dalle Rose non avrebbe alcuna intenzione di
vendere.

Karin
16-10-2006, 08.49.39
NEWS TG E RASSEGNA STAMPA

ESTERI

ROMA - Ancora nessuna rivendicazione sul sequestro di Gabriele Torsello, scomparso da qualche giorno in Afghanistan e che, secondo informazioni raccolte nell'area dove si trovava per un reportage, sarebbe stato prelevato da uomini armati. Secondo l'ambasciatore italiano a Kabul, Ettore Francesco Sequi, quella del sequestro del reporter italiano "è un'ipotesi plausibile". Ma un portavoce dei Taliban ha dichiarato alla Reuters: "Non lo abbiamo rapito noi". E PeaceReporter conferma: "Rapitori legati alle milizie". Intanto Emergency avrebbe confermato che Torsello sta bene. Per ora l'unica certezza è che il fotoreporter sarebbe stato sequestrato giovedì pomeriggio sulla strada tra Laskar Gah e Kandahar.

BORSE
: RAS esce dall’ S&P Mib ed entra UNIPOL

MTA INTERNATIONAL
Ammissione alle quotazioni di altri 11 big (vedere agenda)

ITALIA

FIAT: Immatricolazioni in Europa in crescita +15% nel mese di settembre

ALITALIA: Domani primo faccia a faccia tra Prodi e Cimoli

Riforma TV: Duello tra i poli

FINANZIARIA: Manovra più soft. Sotto i 40 mila euro non si pagherà IRPEF di più.

Crisi Alitalia, è scontro su Malpensa
nulla di fatto nella scelta del partner

Karin
16-10-2006, 09.03.35
ESTERO

SOCIETA’
SCANIA: Offerta “MAN” non adeguata. “Extra dividendi per 7 miliardi di corone

PHILIPS
Utile 3° trimestre quasi triplicato dopo vendita divisione semiconduttori

SAMSUNG:
Utile 3° trimestre cresce del 16% oltre le stime degli analisti su vendita apparecchi TV, telefonia

BANCHE
CREDIT SUISSE ha perso circa 120 mln in operazioni sui derivati in Corea del Sud

Karin
16-10-2006, 12.11.30
Borsa: i petroliferi si infiammano su scia caro-greggio

(Teleborsa) - Roma, 16 ott - Tornano a correre i titoli petroliferi, di riflesso al pronto recupero del greggio sopra i 59 dollari al barile, in attesa di un possibile taglio dell'output OPEC. Anche in Europa il settore oil è il migliore, registrando sul rispettivo Stoxx un vantaggio dell'1,10%.
A Milano accelerano Saipem con un guadagno dello 0,85% ed Eni dello 0,54%. IN positivo anche ERG dello 0,38% e saras dello 0,62%. Tra le società che offrono servizi al settore petrolifero si distinguono le Tenaris con una risalita dell'1,19% e Socotherm che avanza dell'1,61%.

Karin
16-10-2006, 18.49.42
Agenzia: PMF Data: 16.10.2006-16.14 Tipo: COMMENTO07

Oggetto: Mercati: il riepilogo dei dati macro odierni

MILANO (MF-DJ)--Questi i dati macroeconomici resi noti oggi:

*Italia: -0,1% m/m inflazione settembre def. (+2,1% a/a)
(precedente: +0,2% m/m, +2,2% a/a;
preliminare: inv. m/m, +2,2% a/a)

*Usa: indice Empire State Manifacturing ottobre sale a 22,9 punti
(precedente: 13,84 punti;
consenso: 11 punti)


E' stata rivista al ribasso di un decimale l'inflazione italiana di
settembre a causa del calo dei prezzi dei trasporti, abitazione, acqua,
elettricita' e combustibili (-0,1% m/m).

Ha sorpreso la rialzo, invece, l'unico dato americano in agenda oggi,
l'indice Empire State Manifacturing, che il consenso prevedeva in leggero
calo. L'attivita' economica di una delle regioni piu' importanti degli
Usa, quindi, mostra segni di vitalita' anche se l'indice relativo alle
previsionia sei mesi ha mostrato un calo rispetto a settembre.

I mercati non sono comunque stati mossi dai dati e neppure dalle parole
del presidente della Bce, Jean-Claude Trrichet, che ha parlato della
necessita' di riforme strutturali nella zona euro.

Il mercato attende ora le dichiarazioni di Ben Bernake, presidente Fed,
e i dati di domani con l'indice Zew di ottobre, i flussi di capitali
esteri di agosto negli Usa e la produzione industriale americana di
settembre.

Karin
16-10-2006, 22.34.17
Torna l'ottimismo sull'hi-tech
tra trimestrali, Ipo e acquisizioni

MILANO - Torna l'ottimismo sui titoli hi-tech, alla vigilia delle nuova tornata di trimestrali. La settimana appena iniziata sarà infatti cruciale per tastare l’andamento del settore, sulla scia di un susseguirsi ravvicinato di bilanci da parte dei big del comparto, da Intel a Ibm negli Stati Uniti, da Sap a Nokia in Europa.
I mesi estivi sono stati infatti testimoni del rally del settore, con il Nasdaq che ha riportato in attivo il bilancio da inizio anno grazie a un rialzo del 6,9%. Occorre tuttavia precisare che il mercato più importante dei titoli tecnologici resta comunque indietro rispetto agli altri indici, con lo S&P 500 in aumento del 9,3% e il Dow Jones che ha segnato i nuovi massimi storici con un incremento da inizio anno dell'11,6%.

Il settore dei tecnologici si è confermato infatti uno dei comparti che, insieme all'energia, ha accusato le peggiori performance nel 2006 e questo perché i timori di un rallentamento dell'economia americana avevano frenato gli acquisti nel settore. La conferma che la crescita a stelle e strisce continua a restare solida ha però tranquillizzato gli investitori: l'hi-tech è così tornato a rivestire un ruolo centrale. Vi sono almeno tre dati di fatto che provano il nuovo trend. Anzitutto la cifra stratosferica pagata da Google per You Tube: la spesa di 1,6 miliardi di dollari per un sito di social networking che, presente in rete da soli due anni, non ha mai prodotto utili, sarebbe stata inconcepibile solo un anno fa. In secondo luogo, occorre ricordare il balzo del 60% con cui è stata accolta la matricola On , sito specializzato nelle assicurazioni sulla salute via Internet. Ma - e con questo siamo al terzo dato di fatto - ancor più indicativo del nuovo trend di investimenti è il nuovo interesse per la tv via Internet, che in Europa sta facendo convergere operatori telecom e aziende media.

D’altra parte, che i titoli del settore hi-tech siano tornati improvvisamente alla ribalta è ben messo evidenza dal Wall Street Journal, il quale ha segnalato come il collocamento in Borsa di numerose società tecnologiche abbia fatto scattare la corsa agli investimenti. E’ il caso di gruppi come DivX, Riverbed Technology e CommVault Systems, che hanno messo a segno profitti a due cifre al loro debutto e che continuano ancora a salire a Wall Street. Venerdì scorso il fornitore di dispositivi di telecomunicazioni, Acme Packet, è salito del 67% in Borsa e questo proprio al suo ingresso nel listino. Non diverso l’andamento di eHealth, che ha guadagnato il 64%. Tutto questo è avvenuto sullo sfondo di un mercato azionario più forte che mai, un’atmosfera che ha ben favorito le Ipo, le offerte pubbliche di acquisto.

Per l'ultima parte dell'anno le attese sul comparto tecnologico restano positive. Il periodo natalizio dovrebbe essere favorevole per l'elettronica di consumo, mentre l'arrivo del nuovo sistema operativo Windows Vista, atteso per gennaio secondo le ultime indicazioni di Microsoft, dovrebbe dare una mano al settore dei pc. Stanno andando a gonfie vele anche le vendite di cellulari, come mostrano gli ottimi dati riportati da Sony-Ericsson, Samsung e Nokia. Il gruppo finlandese ha aumentato i profitti del 33%.

Le imminenti trimestrali dovrebbero dunque confermare il sentiment positivo che si respira intorno al settore. Un trend determinato da due fattori decisivi: la sostanziale stabilità dei prezzi del greggio e la decisione, presa dalla Fed, di lasciare inalterati i tassi di interesse. Un insieme di fattori che dovrebbe essere di buon auspicio per un trimestre di utili ancora sostenuti per la Corporate America (questa settimana saranno ben 93 le società dello S&P 500 che pubblicheranno i loro bilanci) e in particolare per le società hi-tech, che sono un settore decisamente ciclico, oltre che volatile.

Il banco di prova per il comparto, dicono gli analisti, arriverà in questi giorni. Si comincia questa sera a mercati chiusi con i conti di Intel. Il gruppo, che ha sofferto grandemente la rivalità con Amd, ha annunciato in settembre un piano di ristrutturazione che prevede esuberi per 10.500 dipendenti e risparmi per 5 miliardi. La lotta al ribasso sui prezzi ha finito per colpire i margini di Intel. Già nel secondo trimestre Amd aveva segnato un grosso margine di 56,8% contro il 52,1% di Intel. E proprio mercoledì verranno diffusi i conti di Amd.

Altra musica per IBM. Le attese del mercato sono per un incremento del 7% dell'utile per azione, a 1,35 dollari, e del 3% per i ricavi a 22,1 miliardi.

16/10/2006 - 18:30

Karin
16-10-2006, 22.39.32
Miracolo europeo / Pil 2006 al 3%
...ma il boom continuerà

MILANO – Nuova ondata di ottimismo sulla crescita di Eurolandia, il cui Pil potrebbe crescere quest’anno fino al 3%. E’ l’ipotesi avanzata dalla banca d’affari Morgan Stanley, che ha ritoccato all’insù le previsioni per quest’anno dal 2,5% al 2,7%, ma che non esclude – in base alle passate dinamiche di revisione dei dati - ulteriori incrementi delle stime fino al 3% a fine 2006, un ritmo più che doppio rispetto alla crescita degli ultimi 4 anni.
Non si tratta, questa volta, della solita revisione al rialzo del Pil. "La forza di questa ripresa non può essere spiegata solamente da fattori ciclici", notano gli analisti, i quali vedono alcuni cambiamenti strutturali dal lato della domanda che stanno modificando lo scenario per la zona euro. La conferma di questo viene dallo "spettacolare miglioramento dei budget statali": esso "è solo il prodotto di entrate fiscali superiori alle attese e non di tagli alla spesa strutturali", notano gli analisti, secondo cui la crescita più rabusta potrebbe giustificare tassi di interesse più alti da parte della Bce.

Gli analisti di Morgan Stanely riconoscono, dunque, all'Europa un maggiore potenziale di crescita. Una linea di pensiero condivisa anche dagli esperti di Goldman Sachs, che alcuni giorni fa avevano pubblicato un report dal titolo molto esplicito: '2008-2012: l'Europa aumenta il limite di velocità'. Goldman ha alzato al 2,7% le stime per il 2006 e al 2,1% quelle per il 2007, ma sopratuttto ha detto di vedere elementi strutturali in grado di far crescere l'Europa a un ritmo più sostenuto nei prossimi anni. In particolare, anche gli analisti di Goldman vedono una domanda più forte del previsto grazie soprattutto a due fattori: maggiore immigrazione e allargamento dell'unione, che portano a una più diffusa presenza demografica in Europa, e maggiore occupazione, grazie anche al più intenso impegno lavorativo delle donne.

Per Morgan Stanley, la crescita oltre il potenaiale rappresenta una buona notizia per l'azionario europeo. Ma non solo. Una mano all'epsansione potrebbe arrivare se i governi fossero tentati a spendere la manna delle entrate fiscali a cui stanno assistendo. E non è detto, aggiungono, che i tassi di interesse debbano ancora aumentare, dal momento, spiegano, visto che l'inflazione più bassa alza il costo reale del denaro.


E sempre sul fronte delle buone notizie, il ministro tedesco dell'economia, Michael Glos, ha alzato le stime della crescita del Pil 2006 in Germania al 2,4% dal precedente +1,6%, mentre nel 2007 la crescita dovrebbe attestarsi intorno all’1,5%. Glos ha precisato che le nuove previsioni saranno ufficializzate venerdì 20 ottobre.

Anche dalla Francia non mancano le sorprese positive. La Banca di Francia ha rialzato oggi le sue previsioni di crescita nel terzo trimestre portandole al +0,5%, cioè lo 0,1% in più rispetto alla sua ultima nota congiunturale. Secondo queste previsioni, la crescita acquisita alla fine del terzo trimestre (cioè quella che può essere ridotta solo da una crescita negativa nel quarto trimestre) è del 2,2% del Pil, lo 0,1% in più rispetto alle ultime indicazioni. Va ricordato che il governo punta su un'espansione dell'economia per il 2006 vicina al 2,5%.

16/10/2006 - 15:45