Reply To Thread
Pagina 1 di 4 1 2 3 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 37
  1. Collapse Details
    siccome in questi post c'è molto scontro 
    #1
    Data registrazione
    02-02-2006
    Residenza
    VICENZA
    Messaggi
    3,162
    vi posto uno scritto, chissà che magari non riuscimao a migliorare un pò tutti..

    La fonte del conflitto (Jiddu Krishnamurti)

    Vi sono due tipi di apprendimento: uno consiste nel memorizzare ciò che viene imparato per poi osservare tramite la memoria - ed è questo che molti di noi chiamano apprendimento - e l'altro consiste nell'imparare attraverso l'osservazione, senza immagazzinarlo come ricordo. Per dirla in un altro modo: un modo di apprendimento è imparare qualcosa a memoria, in modo che rimanga immagazzinato nel cervello come conoscenza e successivamente agire secondo tale conoscenza abilmente o maldestramente; quando si frequenta la scuola e l'università, si accumulano molte informazioni, e in base a tale conoscenza si agisce in modo benefico per se stessi e per la società, ma si è incapaci di agire semplicemente, direttamente. L'altra specie di apprendimento - cui non si è altrettanto abituati, perché si è schiavi delle abitudini, delle tradizioni, di ogni conformismo - consiste nell'osservare senza l'accompagnamento della conoscenza pregressa, guardare qualcosa come se fosse la prima volta. Se uno osserva qualcosa in questo modo, non vi è la coltivazione della memoria; non è come quando uno osserva e tramite tale osservazione accumula il ricordo in modo che la prossima volta che l'osserva lo fa attraverso quello schema della memoria, e perciò non l'osserva più ex novo.
    E' importante avere una mente che non sia costantemente occupata, costantemente intenta a chiacchierare. Per la mente non occupata, può germinare un nuovo seme, qualcosa d'interamente diverso dalla coltivazione della conoscenza e dall'azione basata su tale conoscenza.
    Osservate i cieli, la bellezza delle montagne, gli alberi, la luce tra le fronde. Questa osservazione, immagazzinata nella memoria, impedirà che la prossima osservazione sia nuova. Quando uno osserva la moglie o un amico, può osservare senza l'interferenza della registrazione dei precedenti episodi di quel particolare rapporto? Se uno può osservare l'altro senza l'interferenza della conoscenza precedente, impara molto di più.
    La cosa più importante è osservare: osservare e non avere una divisione tra l'osservatore e l'osservato. Generalmente vi è una divisione apparente tra l'osservatore, che è la somma totale dell'esperienza passata, in quanto memoria, e l'osservato ... così è il ,passato che osserva. La divisione tra osservatore e osservato è la fonte del conflitto.
    E' possibile che non vi sia conflitto, in tutta una vita? Tradizionalmente, si accetta che debba esservi questo conflitto, questa lotta, questo dissidio perpetuo, non solo fisiologicamente, per sopravvivere, ma psicologicamente, tra desiderio e paura, simpatia e antipatia, e così via. Vivere senza conflitto è vivere una vita senza sforzo, una vita in cui vi è pace. L'uomo ha vissuto, per secoli e secoli, una vita di battaglia, di conflitti esteriori e interiori; una lotta costante per conseguire qualcosa, e la paura di perdere, di ricadere indietro. Si può parlare all'infinito di pace, ma non vi sarà pace finché si è condizionati ad accettare il conflitto. Se uno dice che è possibile vivere in pace, allora è soltanto un'idea, e perciò non ha valore. E se uno dice che non è possibile, allora blocca ogni indagine.
    Esaminiamolo prima psicologicamente; è più importante che farlo fisiologicamente. Se uno comprende in profondità la natura e la struttura del conflitto, psicologicamente, e magari vi pone fine, allora può essere in grado di affrontare il fattore fisiologico. Ma se uno s'interessa solo del fattore fisiologico, biologico, per sopravvivere, allora probabilmente non ci riuscirà.
    Perché vi è questo conflitto, psicologicamente? Fin dai tempi più antichi, socialmente e religiosamente, c'è sempre stata una divisione tra il bene e il male. Questa divisione esiste realmente, oppure c'è soltanto ciò che è " senza il suo contrario? Supponiamo che via sia collera questo è un fatto, " ciò che è "; ma " io non andrò in collera " è un idea, non è un fatto.
    Uno non discute mai tale divisione, l'accatta perché è tradizionalista per abitudine, e non vuol saperne di qualcosa di nuovo. Ma c'è un altro fattore: c'è una divisione tra l'osservatore e l'osservato. Quando uno guarda una montagna, la guarda come osservatore e la chiama montagna. La parola non è la cosa. La parola " montagna " non è la montagna, ma per l'interessato la parola è molto importante: quando guarda, vi è istantaneamente la risposta " quella è una montagna ". Ora, uno può guardare la cosa chiamata " montagna" senza la parola, perché la parola è un fattore di divisione? Quando uno dice " mia moglie ", la parola " mia " crea divisione. La parola, il nome, la parte del pensiero. Quando uno guarda un uomo o una donna, una montagna o un albero, qualunque cosa sia, si opera una divisione quando il pensiero, il nome, il ricordo vengono posti in essere.
    Uno può osservare senza l'osservatore, che è l'essenza di tutti i ricordi, le esperienze, le reazioni e così via, tutti provenienti dal passato? Se uno guarda qualcosa senza la parola e i ricordi del passato, allora osserva senza l'osservatore. Quando uno fa ciò, vi è solo l'osservato, e non vi è divisione né conflitto, psicologicamente. Uno può guardare la propria moglie o il proprio amico più intimo senza il nome, la parola e tutta l'esperienza accumulata" in quel rapporto? Quando guarda così, guarda l'altro - o l'altra - per la prima volta.
    E' possibile vivere una vita completamente libera da ogni conflitto psicologico? Uno ha osservato il fatto: basterà, se lascia stare il fatto. Finché vi è divisione tra l'osservatore che crea le immagini, e il fatto - che non è immagine ma soltanto fatto - deve esserci conflitto perpetuo. E' una legge. Ma si può porre fine al conflitto.
    Quando vi è la fine del conflitto psicologico - che è parte della sofferenza - allora, in che modo influisce sulla vita, sui rapporti con gli altri? In che modo la fine della lotta psicologica, con tutti i suoi conflitti, il suo dolore, le sue ansie, le sue paure, in che modo si riferisce alla vita quotidiana, al lavoro d'ufficio, eccetera eccetera? Se è un fatto che uno ha posto fine al conflitto psicologico, allora come vivrà una vita senza conflitti esteriori? Quando non vi è conflitto interiore, non vi è conflitto all'esterno, perché "non vi è divisione" tra l'interiore e l'esteriore. E come il flusso e il riflusso del mare. E' un fatto assoluto, irrevocabile, che nessuno può toccare; è inviolato. Quindi, se è così, cosa farà uno per guadagnarsi da vivere? Poiché non Vi è conflitto, non vi è ambizione. Poiché interiormente vi è qualcosa di assoluto che è inviolato, che non può essere toccato né danneggiato, allora uno non dipende psicologicamente da un altro; perciò non vi è conformismo né imitazione. Quindi, non avendo tutto questo, uno non è più pesantemente condizionato dal successo e dall'insuccesso nel mondo del denaro, della posizione, del prestigio, che implica la negazione di "ciò che è " e l'accettazione di " ciò che dovrebbe essere ".
    Poiché uno nega " ciò che è " e crea l'ideale di " ciò che dovrebbe essere ", vi è conflitto. Ma osservare ciò che è effettivamente significa che uno non ha contrario, solo " ciò che è ". Se osservate la violenza e usate la parola " violenza ", c'è già conflitto, la parola stessa è già distorta; vi sono persone che approvano la violenza e altre che non l'approvano. L'intera filosofia della non violenza è distorta, politicamente e religiosamente. C'è la violenza e il suo contrario, la non violenza. Il contrario esiste perché voi conoscete la violenza. Il contrario ha radice nella violenza. Uno pensa che, avendo un contrario, con qualche metodo o mezzo straordinario, si sbarazzerà di " ciò che è ".
    Ora, si può accantonare il contrario e guardare semplicemente la violenza, il fatto? La non violenza non è un fatto. La non violenza è un'idea, un concetto, una conclusione. Il fatto è la violenza: uno è in collera, odia qualcuno, vuol far male alla gente, è geloso: tutto questo è l'implicazione della violenza, che è il fatto. Ora, si può osservare il fatto senza introdurre il suo contrario? Perché allora uno ha l'energia - che prima veniva sprecata cercando di realizzare il contrario - per osservare " ciò che è ". In quell'osservazione non c'è conflitto.
    Perciò, cosa farà un uomo che ha compreso questa esistenza straordinaria e complessa basata sulla violenza, il conflitto e la lotta, un uomo che ne è effettivamente libero, non teoricamente, ma effettivamente libero? Il che significa assenza di conflitto. Che cosa farà al mondo? Formulerà questa domanda, se è interiormente, psicologicamente, interamente libero da conflitti? Ovviamente no. Solo l'uomo in conflitto dice: " Se non vi è conflitto, sarò alla fine, verrò annientato dalla società perché la società è basata sul conflitto".
    Se uno è consapevole della propria coscienza, che cos'è? Se è consapevole, vedrà che la sua coscienza è - in senso assoluto - nel disordine totale. E contraddittorio dire una cosa, fare qualcosa d'altro, cercando sempre qualcosa. Il movimento totale è entro un'area limitata e priva di spazio, e in quel poco spazio c'è disordine.

    Uno è diverso dalla propria coscienza? Oppure è quella coscienza? quella coscienza. Allora, è consapevole di trovarsi nel disordine totale? Alla fine, quel disordine porta alla nevrosi, ovviamente: perciò ci sono tutti gli specialisti della società moderna, gli psicoanalisti, gli psicoterapeuti e così via. Ma interiormente c'è ordine? Oppure c'è disordine? Uno può osservare questo fatto? E cosa avviene quando uno osserva senza scegliere... cioè senza distorsioni? Dove c'è disordine, deve esserci conflitto. Dove c'è ordine assoluto, non c'è conflitto. E c'è un ordine assoluto, non relativo. Ciò può avvenire in modo naturale e facile, senza conflitto, solo quando uno è consapevole di se stesso quale coscienza, consapevole della confusione, del tumulto, delle contraddizioni, osservando esteriormente senza distorsione. Allora da questo deriva naturalmente, dolcemente, facilmente, un ordine irrevocabile.
    Rispondi citando
     

  2. Collapse Details
     
    #2
    Data registrazione
    23-06-2010
    Messaggi
    211
    magnifico!! è tutto qui. non c'è altro da aggiungere.
    Quando riesco a spegnere il dialogo interiore, la chiacchera continua, mi rendo conto che non c'è differenza fra il mondo esterno e me. E' un flusso unico di "presente esistenza" e l'osservazione non è più duale ma una presa di coscenza del tutto.
    si tratta di brevi istanti (purtroppo), frammenti di realtà.

    ... la contingenza purtroppo mi richiama al lavoro...

    mi ha fatto piacere scambiare queste "impressioni".
    alla prossima.

    JtI
    Rispondi citando
     

  3. Collapse Details
     
    #3
    Data registrazione
    23-06-2010
    Messaggi
    211
    .....la magia del silenzio....

    perdonami per il fatto che rispondo solo ora...
    faccio quello che riesco.

    percepisco che parli a ragion veduta.. la magia del silenzio...
    forse i deserti ti hanno mostrato qualcosa.

    ti prego... puoi approfondire?
    Rispondi citando
     

  4. Collapse Details
     
    #4
    Data registrazione
    02-02-2006
    Residenza
    VICENZA
    Messaggi
    3,162
    il passato non serve a nulla, è il futuro che crea il presente
    Rispondi citando
     

  5. Collapse Details
     
    #5
    Data registrazione
    25-10-2010
    Messaggi
    87
    Journey to Ixtlan...complimenti vivissimi per la tua immagine personale. Ho letto tempo fa alcuni scritti dell'individuo in oggetto, e mi sono ripromesso di ritornare ad analizzarli, tuttavia bisogna ammettere che lo stile di scrittura "tangenziale" e spesso (volutamente) oscuro non aiutano, se uno non ha a disposizione parecchio tempo da dedicarci. Ad ogni modo, probabilmente è stato il maggior risvegliato del XX secolo.
    Facciamoli secchi gli MM
    Rispondi citando
     

  6. Collapse Details
     
    #6
    Data registrazione
    23-06-2010
    Messaggi
    211
    Citazione Orginalmente inviato da Darmok
    Journey to Ixtlan...complimenti vivissimi per la tua immagine personale. Ho letto tempo fa alcuni scritti dell'individuo in oggetto, e mi sono ripromesso di ritornare ad analizzarli, tuttavia bisogna ammettere che lo stile di scrittura "tangenziale" e spesso (volutamente) oscuro non aiutano, se uno non ha a disposizione parecchio tempo da dedicarci. Ad ogni modo, probabilmente è stato il maggior risvegliato del XX secolo.
    ciao, grazie per i complimenti e scusa la risposta tardiva... il tempo è davvero il nostro peggior' tiranno. Ho letto e riletto i suoi scritti e tutte le volte mi chiedevo se stessi perdendo tempo o fossi io limitato nel comprendere. Talvolta addirittura gettavo via il libro che leggevo sentendomi insultato o irritato. Poi inevitabilemte, magari tempo dopo, tornavo a prendere in mano lo stesso libro e qualcosa di nuovo mi appariva.. Mi è capitato la medesima cosa con le opere di Carlos Castaneda: quante volte mi sono davvero sentito preso in giro da un ciarlatano. Poi un giorno o letto una intervista a Osho Rainesh, il quale parlava proprio delle opere di questi due Maestri e spiegava come fosse necessario nascondere e mimetizzare la verità in mezzo ad una miriade di sciocchezze in modo che solo lo studente disciplinato potesse trovare il loro valore ed il fatto stesso di applicarsi in questa ricerca fosse di per se un momento educativo. Alla luce di questo, ho ripreso lo studio e tutto mi è apparso sotto una luce nuova....
    Non mollare! continua nella ricerca. Il mondo non è solo FtseMib!!
    ... Intanto però ho comprato Danieli e Yoox... Bisongna pur vivere no?
    Rispondi citando
     

  7. Collapse Details
     
    #7
    Data registrazione
    02-02-2006
    Residenza
    VICENZA
    Messaggi
    3,162
    Citazione Orginalmente inviato da Journey to Ixtlan
    ciao, grazie per i complimenti e scusa la risposta tardiva... il tempo è davvero il nostro peggior' tiranno. Ho letto e riletto i suoi scritti e tutte le volte mi chiedevo se stessi perdendo tempo o fossi io limitato nel comprendere. Talvolta addirittura gettavo via il libro che leggevo sentendomi insultato o irritato. Poi inevitabilemte, magari tempo dopo, tornavo a prendere in mano lo stesso libro e qualcosa di nuovo mi appariva.. Mi è capitato la medesima cosa con le opere di Carlos Castaneda: quante volte mi sono davvero sentito preso in giro da un ciarlatano. Poi un giorno o letto una intervista a Osho Rainesh, il quale parlava proprio delle opere di questi due Maestri e spiegava come fosse necessario nascondere e mimetizzare la verità in mezzo ad una miriade di sciocchezze in modo che solo lo studente disciplinato potesse trovare il loro valore ed il fatto stesso di applicarsi in questa ricerca fosse di per se un momento educativo. Alla luce di questo, ho ripreso lo studio e tutto mi è apparso sotto una luce nuova....
    Non mollare! continua nella ricerca. Il mondo non è solo FtseMib!!
    ... Intanto però ho comprato Danieli e Yoox... Bisongna pur vivere no?
    Anche a me molti libri sembrano scritti da ciarlatani, e alcune volte provo un vero e proprio fastidio e non riesco a leggerli. Un libro di Osho lo stò leggendo proprio in questi giorni al riguardo della meditazione, però non mi convince per nulla...Mi ritrovo solo in juddu, c'è poco da fare.
    Interessanti sono anche i libri sull'alchimia, ho in pdf Fulcanelli e il segreto delle cattedrali se vi interessa, poi c'è anche il nostro Giuliano Kremmez, ma sono davvero ostici oppure sono io che non ho pazienza.
    Ho intenzione invece di ordinare il libro rosso di Jung
    il passato non serve a nulla, è il futuro che crea il presente
    Rispondi citando
     

  8. Collapse Details
     
    #8
    Data registrazione
    23-06-2010
    Messaggi
    211
    ....
    Ho intenzione invece di ordinare il libro rosso di Jung[/QUOTE]

    Jung!!! quando ho visto il libro rosso in libreria ho avuto quasi un mancamento tanta era l'emozione!!! lo aspettavo (lo aspettavamo) da anni e ne veniva sempre rimandata la pubblicazione. Amo in modo quasi filiale Jung, e sono sicuro che da questa sua opera chi saprà leggere avrà molto da imparare.
    Anche secondo me Jiddu rimane al di sopra di tutti, soprattutto per un motivo: parla in modo chiaro e diretto, senza misteri, giri di parole o terminologie criptiche.
    Personalmente ho un allergia verso le sette e i "maestri" per cui mi approccio sempre in modo cauto e attento a chi pretende di avere la verità in tasca. Proprio Jiddu ci mette in guardia da questo. Giuliano Kremmez??? ammetto la mia ignoranza! non lo conosco, ma visto che "vibriamo sulla stessa lunghezza d'onda" mi informo subito!!
    ... vedo che non siamo pochi in questo sito a cercare di vedere oltre l'apparenza... mi fa piacere!!
    buona giornata!
    Rispondi citando
     

  9. Collapse Details
     
    #9
    Data registrazione
    02-02-2006
    Residenza
    VICENZA
    Messaggi
    3,162
    Citazione Orginalmente inviato da Journey to Ixtlan
    ....
    Ho intenzione invece di ordinare il libro rosso di Jung
    Jung!!! quando ho visto il libro rosso in libreria ho avuto quasi un mancamento tanta era l'emozione!!! lo aspettavo (lo aspettavamo) da anni e ne veniva sempre rimandata la pubblicazione. Amo in modo quasi filiale Jung, e sono sicuro che da questa sua opera chi saprà leggere avrà molto da imparare.
    Anche secondo me Jiddu rimane al di sopra di tutti, soprattutto per un motivo: parla in modo chiaro e diretto, senza misteri, giri di parole o terminologie criptiche.
    Personalmente ho un allergia verso le sette e i "maestri" per cui mi approccio sempre in modo cauto e attento a chi pretende di avere la verità in tasca. Proprio Jiddu ci mette in guardia da questo. Giuliano Kremmez??? ammetto la mia ignoranza! non lo conosco, ma visto che "vibriamo sulla stessa lunghezza d'onda" mi informo subito!!
    ... vedo che non siamo pochi in questo sito a cercare di vedere oltre l'apparenza... mi fa piacere!!
    buona giornata![/QUOTE]

    Ciao, riguardo il libro rosso non ho capito se all'interno ci sono anche le traduzioni in italiano o no, siccome lo ordino via internet non ho trovato nulla a riguardo. Jung mi ha colpito davvero molto, soprattutto la sua vita oltre che per i suoi scritti che conosco solo in minima parte.
    il passato non serve a nulla, è il futuro che crea il presente
    Rispondi citando
     

  10. Collapse Details
     
    #10
    Data registrazione
    25-10-2010
    Messaggi
    87
    Effettivamente ci vuole disciplina nella lettura e determinazione dell'apprendimento, d'altronde è noto che quel sapere non è per tutti, sebbene, in potenza, è alla portata di tutti. Del Kremmerz ho letto una parte di "Introduzione alla scienza ermetica" e l'ho trovato molto interessante, soprattutto per gli spunti "operativi", comunque impegnativo.

    P.S.: complimenti per la scelta, soprattutto con yoox dovrebbe esserti andata benone
    Io quest'oggi mi son limitato ad un longhetto su Pmi.mi eh eh
    Facciamoli secchi gli MM
    Rispondi citando
     

Regole di scrittura

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
Ricerca personalizzata
Powered by