Discussione: Tfr o non Tfr ...

Reply To Thread
Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2
  1. Collapse Details
    Tfr o non Tfr ... 
    #1
    Data registrazione
    22-01-2007
    Messaggi
    2,891
    Interessante , dal sito youinvest .

    Non tutti sanno che l’istituto del TFR nasce nel secolo scorso prima come forma di indennità di licenziamento per poi diventare una forma di indennità di anzianità e solo dal 1982 appunto Trattamento di fine rapporto, assumendo la natura di vera e propria retribuzione differita (6,91% della retribuzione lorda annua che l’azienda accantona).
    Da allora inoltre i lavoratori dipendenti con almeno otto anni di attività lavorativa alle spalle possono chiedere un’anticipazione (una sola volta) del TFR, non superiore al 70% del valore maturato, in particolare per spese sanitarie e terapie/interventi ritenuti necessari e straordinari o per l’acquisto/ristrutturazione (per sé e per i propri figli) della prima casa.
    È chiaro pertanto che l’intento del legislatore con la riforma del 1982 è stato quello di designare il TFR, oltre che come scorta di denaro immediata in caso di perdita di posto del lavoro e di importo da ricevere al momento del pensionamento e quindi della «naturale» cessazione del rapporto di lavoro, anche come somma utile a superare eventuali vincoli di liquidità nel caso appunto di spese mediche rilevanti o di acquisto della prima casa, assegnandogli a tutti gli effetti una connotazione di cuscinetto di liquidità. Tanto più se si considera che il TFR, per legge, viene rivalutato annualmente ad un tasso fisso, pari all’1,5% più il 75% del tasso di inflazione, non comportando pertanto per il singolo lavoratore alcun rischio finanziario, almeno in termini nominali (sappiamo che il rischio di inflazione, soprattutto quella inattesa dal mercato, non è ben percepito dai risparmiatori).
    Il fatto che fin dall’inizio le riforme previdenziali, per vari motivi, abbiano puntato sui lavoratori dipendenti, in particolare privati, ha spinto il legislatore, consapevole dei limitati margini di ulteriore contribuzione da parte dei lavoratori, a far entrare soprattutto il TFR nella nuova previdenza complementare, tanto da diventare la «la base d’appoggio della pensione integrativa» (Cesari, 2007).
    È possibile anche che vari interessi di parte all’interno del mondo finanziario abbiano spinto verso una simile soluzione, allettati dal flusso annuo di denaro (miliardi di euro) che il TFR avrebbe potuto assicurare.
    È singolare che si sia iniziato proprio con i lavoratori dipendenti quando in futuro saranno i lavoratori autonomi a subìre i tassi di sostituzione più bassi, anche inferiori al 30% dell’ultima retribuzione.
    Dovendo pertanto il TFR maturando confluire nella previdenza complementare e date le caratteristiche specifiche di questo istituto (si veda quanto detto in precedenza), il legislatore non ha potuto che «modificare geneticamente» anche i veicoli naturali del risparmio previdenziale di lungo termine, appunto i fondi pensione, prevedendo meccanismi di anticipazioni e riscatti che per taluni lavoratori possono essere considerati più favorevoli addirittura delle soluzioni previste per il TFR.
    Simili tutele anche per la previdenza complementare si sono rece necessarie per riuscire a «trasformare» quello che è sempre stato considerato una scorta di risparmio dalla massima liquidità e liquidabilità in possesso del lavoratore in una sorta di risparmio previdenziale, connotazione che fino ai primi anni novanta aveva certamente in forma residuale.
    Così facendo si è snaturata la caratteristica principale del risparmio a fini previdenziali, ossia quello di essere a lungo-lunghissimo termine (e non lo dico perché in questo modo sarebbe stato ancora più ovvio proporre soluzioni di investimento aggressive).
    Credo che sarebbe stato molto più semplice non far entrare il TFR nella previdenza complementare e iniziando dal target prioritario, gli autonomi, forse tale scelta sarebbe stata la più naturale da perseguire anche con il resto dei lavoratori.
    Si sarebbe potuto contestualmente migliorare l’indicizzazione del TFR all’inflazione, essendo oggi solo parziale e rendendolo uno strumento assai efficace in questo particolare contesto macroeconomico di bassi tassi reali (addirittura negativi), ma incapace molto probabilmente di difenderLa sola incentivazione dei contributi a carico dei lavoratori, magari aumentandola ulteriormente per gli autonomi, doveva essere il vero perno della riforma, lasciando il TFR dove stava, ossia in azienda e magari migliorandolo, come ho pocanzi suggerito, facendolo diventare un cuscinetto di risparmio davvero risk-free.
    In questo modo, i veicoli finanziari a fini previdenziali avrebbero potuto avere quella necessaria e maggiore rigidità che il legislatore negli anni scorsi non ha mai voluto introdurre: se si tratta di risparmio previdenziale e se si gode con esso di notevoli vantaggi fiscali (attualmente, i contributi sono deducibili dal reddito fino alla cifra di 5.164,57 euro), allora questi risparmi non dovrebbero essere disponibili, anche solo teoricamente, fino al momento in cui si va in pensione. Si sarebbe favorita una disciplina al risparmio di lungo periodo e una pianificazione finanziaria ben diversa da quella possibile oggi.
    Il fatto che, come indicato dalla Covip, «il settore dei piani individuali pensionistici di tipo assicurativo o PIP continui a rappresentare il segmento più dinamico della previdenza complementare» e che nel 2012 l’81% degli iscritti versanti ai “nuovi” PIP non ha destinato il TFR (483.247 autonomi e 654.161 dipendenti), mi fa sospettare che esista un effetto TFR, che non è purtroppo quello positivo in termini di nuovi iscritti che molti player del mercato finanziario si attendevano a partire dal 1° gennaio 2007.
    L’effetto TFR, ossia il dover partecipare ad una forma pensionistica complementare anche con il TFR maturando e in modo definitivo, ha probabilmente allontanato i lavoratori dipendenti dalla previdenza integrativa più di ogni altra distorsione comportamentale.
    ... la sofferenza rende intelligenti ...
    Rispondi citando
     

  2. Collapse Details
     
    #2
    Data registrazione
    22-01-2007
    Messaggi
    2,891
    Quando poi lo spread viaggiava a livelli spazziali si vociferava di una " interpellazzione " molto sotto traccia di un vice ministro , all'economia credo , con i gestori dei fondi pensioni .
    Che hanno però sempre , molto educatamente , evitato l'incontro .
    La " proposta indecente " sembrava fosse quella di far confluire tutta la previdenza complementare in un unico mega fondo pensione in pancia all'INPS .
    La madre di tutte le disgrazie .
    Ricordo ancora come fosse ieri una proposta del " defunto " ministro dell'economia Tremorti , di grande spessore ... per poter finanziare la costruzione del ponte sullo stretto : " ... si potrebbero usare i soldi dei fondi pensione , sono fermi li a far niente . E poi che problemi ci sono , lo Stato onora sempre poi i suoi debiti ... "
    O no ? ... ... ... .
    ... la sofferenza rende intelligenti ...
    Rispondi citando
     

Regole di scrittura

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
Ricerca personalizzata
Powered by