Il più classico del "predica bene ma razzola male". Nonostante i proclami americani contro i paradisi fiscali, secondo il rapporto "Tax justice network" sono proprio gli USA ad offrire segretezza in materia fiscale tra le più alte al mondo. Al top il Delaware, pieno di società di comodo e con corruzione ai massimi livelli.
Gli Stati Uniti sono al terzo posto al mondo, davanti alle Cayman e Singapore, nella lista compilata dal Tax Justice Network. E Panama si trova solo al tredicesimo posto.

--------------------------------


Il nuovo paradiso fiscale per investitori in cerca di regole "morbide" e controlli non troppo rigidi? ... gli Usa.

Secondo il rapporto del "Tax justice network", organizzazione leader tra gli osservatorii sui paradisi fiscali, gli Stati Uniti offrono una segretezza in materia fiscale seconda solo a quella garantita dalla Svizzera e da Hong Kong: due Paesi che nell'immaginario collettivo rappresentano il paradiso fiscale per definizione.

Questa segretezza, per la verità, riguarda solo alcuni dei 50 states, a seconda delle singole legislazioni in materia bancaria e fiscale. In Delaware, ad esempio, è possibile costituire una società di comodo in poche ore, con un esborso di qualche decina di dollari. Magari ricorrendo a prestanome (la pratica è diffusa anche in altri Stati, come il Nevada o il Wyoming), tramite studi legali che si nascondono dietro il "legal privilege", ovvero la norma che tutela la segretezza della clientela.

Come denuncia Italia Oggi, verso gli Usa potrebbero essere incanalate grandi quantità di capitali, dopo l'entrata in vigore del Common reporting standard, lo scambio di informazioni automatico fra i Paesi Ocse. Gli States non aderiscono al Crs e tanto basta per attrarre frotte di investitori alla ricerca di "discrezione".

http://www.ilgiornale.it/news/econom...a-1265280.html

altre notizie specifiche sul Delaware
http://www.askanews.it/esteri/panama..._711778932.htm